Fattura ElettronicaFattura Elettronica verso l'estero: la guida | Archivist

22 Gennaio 2019

Fattura Elettronica all’estero: come fare

Vediamo come fare una Fattura Elettronica ad un’azienda estera

La fattura elettronica B2B è partita dal 1 Gennaio 2019 in tutta Italia. Nel caso in cui il professionista o l’azienda abbia rapporti commerciali con l’estero, come deve comportarsi?

FATTURAZIONE ELETTRONICA ALL’ESTERO, COME OPERARE

I passi necessari per fatturare elettronicamente all’estero in modo corretto sono i seguenti:

Invio di una fattura elettronica all’estero

1 – Inviare al destinatario all’estero la tradizionale fattura

I professionisti e le aziende estere non sono obbligate a gestire le fatture elettroniche attive e passive. Per questo motivo non saranno dotati di un software per la gestione dei file XML.La fattura cartacea o PDF, solo ed esclusivamente in questo caso, ha valore, ma solo per il ricevente all’estero.

Le organizzazioni che hanno rapporti commerciali fuori dall’Italia dovranno quindi scegliere una soluzione specializzata che possa creare, oltre che al file XML, anche la cosiddetta copia di cortesia da inviare con i canali tradizionali (Esempio: posta, e-mail).

2 – Creare ed inviare la fattura elettronica utilizzando 7 X al posto del codice destinatario (Esempio: XXXXXXX)

La e-Fattura deve comunque essere creata in formato XML ed inviata al Sistema di Interscambio come di consueto. L’Agenzia delle Entrate, infatti, deve monitorare anche i flussi attivi in uscita dall’Italia.

Essendo però il destinatario un soggetto estero, occorrerà indicare 7 X nel campo codice destinatario dato che le organizzazioni fuori dall’Italia non possiedono questo identificativo per la fattura elettronica.
Nella sezione relativa all’identificativo fiscale basterà inserire la partita IVA comunitaria mentre per le relazioni extra UE utilizzare il codice “OO 9999999999”.

Sostanzialmente inviare una fattura elettronica all’estero non si discosta dal classico processo di creazione ed invio del file XML allo SdI.

Serve solamente inviare anche la copia di cortesia all’organizzazione fuori dall’Italia che deve ricevere il documento fattura.


Ricezione di una fattura elettronica dall’estero

1 – Acquisire la fattura cartacea o digitale tramite i canali tradizionali

Come anticipato la fatturazione elettronica B2B è obbligatoria solo in Italia quindi le fatture passive che riceveremo dall’estero saranno nello stesso formato utilizzati prima del 1 gennaio 2019. Tendenzialmente riceverai dall’estero fatture cartacee tramite la posta o in PDF tramite e-mail.

2 – Contabilizzare i documenti fattura provenienti dall’estero

Questa tipologia di documenti non hanno più valore per le organizzazioni italiane.Occorre quindi contabilizzare le fatture passive estere tramite la classica procedura ed inviare tutti i dati fattura tramite il cosiddetto esterometro.

Per lo scambio di beni o servizi con soggetti extracomunitari, occorre utilizzare l’autofattura per attestare la cessione della merce o le prestazioni avvenute.

3- Inviare i dati  fattura utilizzando l’esterometro

Questo nuovo elemento assomiglia al tradizionale spesometro, ma è utilizzato per tracciare le operazioni commerciali con soggetti fuori dall’Italia. Attualmente occorre inviarlo ogni mese, ma non è escluso che si passi ad una comunicazione trimestrale o semestrale.

Ricordiamo che in Italia sono presenti zone escluse dalla fatturazione elettronica. Per questi territori la fattura rimane quella tradizionale ovvero cartacea e/o digitale.

Se vuoi maggiori informazioni,
compila il form e scarica la guida gratuita “Fattura elettronica estero ed esterometro, ecco come fare!“

Inoltre, avrai diritto al 10% di sconto sull’acquisto di una licenza ArchiSMALL!

Dove Siamo

Via Anna Frank, 6/A
Carpi (MO, Italy)
P.Iva/C.Fisc. 02576660365
REA MO 313450-99
Codice destinatario fatturazione elettronica: 4B4W2O6

Informativa Privacy e Cookie Policy
Archivist © 2019.
Tutti i diritti riservati.